Differenziarsi dalla concorrenza, organizzare i materiali e i contenuti della comunicazione aziendale. Aumentare visibilità e chance di costruire con gli interlocutori un rapporto fiduciario e durevole. Creare legami emozionali basati su valori solidi condivisi con il pubblico. In ultima istanza, costruire una community solida e, così facendo, crescere.

Quando se non ora? Voglio dire, qual è il momento migliore per rilanciare la comunicazione e il marketing se non adesso? Usciti dalla primissima fase dell’emergenza, le aziende si troveranno ad affrontare la ripartenza. Per molti ciò vorrà dire correre una serie di rischi piuttosto seri:

  • confrontarsi con un mercato molto più agguerrito
  • non utilizzare a dovere i canali di comunicazione
  • non aver confezionato un messaggio creativo e differenziante
  • non distinguersi dalla concorrenza
  • non poter accedere ad altre forme di comunicazione per questioni di tempo, budget od opportunità
  • perdere opportunità di business.

Per questi e altri motivi, è necessario iniziare subito. Partire da una prima analisi dei canali digitali, così da capire le opportunità insite in ognuno di essi. Cominciare con un’analisi dell’azienda e dei contenuti che ha pubblicato finora. Da un’analisi dei valori, dell’identità e del tono di voce con cui attirare con naturalezza partner e clienti. Definire il piano di contenuti e come migliorarlo in tempo reale partendo dall’analisi di dati misurabili e certi.

Il pubblico non vuole offerte speciali. Vuole che aziende e professionisti si raccontino. Vuole costruire assieme una sorta di autobiografia di consumo. Vuole entrare in relazione, fidarsi e poi comprare. Non sappiamo ancora come sarà il mercato del futuro, quello uscito dall’emergenza e dagli stop calati dall’alto. Ma sappiamo che sarà sempre più decisivo fidelizzare il pubblico grazie a un rapporto paritetico costruito a suon di contenuti di qualità e narrazioni di valore. E di valori. Restare a guardare oggi significa con tutta probabilità perdere opportunità domani. Lasciare che siano altri a godersi il vantaggio competitivo di una narrazione strategica ben congegnata. Meglio partire oggi. Partire per ripartire.

LASCIA UN COMMENTO